Agrovoltaico, una soluzione per gli impianti FV a terra

Poter conciliare attività agricole e impianti fotovoltaici a terra è sempre difficile e spesso comporta soluzioni che richiedono comunque di sacrificare parte del suolo occupato.

agrovoltaico moduli Agrovoltaico, una soluzione per gli impianti FV a terra

Il problema dell’occupazione dei terreni agricoli

Occupare terreno fertile con impianti che possono benissimo essere posizionati sui tetti delle abitazioni (micro-impianti collegati fra loro) o sulle coperture di capannoni industriali può effettivamente risultare uno spreco di risorse e un’incentivazione alla desertificazione del territorio.

Coltivazioni e fotovoltaico, nasce l’Agrovoltaico

E’ per questo che si è pensato di risolvere il problema ottimizzando al massimo lo sfruttamento del suolo occupato unendo coltivazioni agricole e moduli fotovoltaici.

agrovoltaico struttura Agrovoltaico, una soluzione per gli impianti FV a terra

L’impianto sospeso

Per fare ciò si è progettato e realizzato un impianto sollevato dal suolo ad un’altezza di 5 metri grazie ad una struttura con pali posti a 12 metri di distanza con moduli orientabili e interconnessi con tecnologia wireless per ridurre il cablaggio necessario.

L’altezza da terra permette di ridurre al minimo l’impatto con le colture e il suolo che è possibile coltivare in tutta sicurezza e senza troppi ostacoli con le tradizionali macchine agricole.

Le caratteristiche innovative

Durante l’arco della giornata, l’impianto è in grado di ottimizzare continuamente la produzione di energia grazie ai pannelli orientabili e minimizzare il proprio impatto sulle coltivazioni.

Infatti, gli inseguitori solari riducono l’area ombreggiata ad un massimo del 15% e i moduli, in caso di pioggia, si orientano perpendicolarmente al suolo per garantire la giusta irrigazione alle colture.

Lo stesso avviene in caso di nevicate, questa volta per ridurre il peso che graverebbe sulla struttura.

Queste operazioni vengono gestite autonomamente dall’impianto ma, volendo, oltre che per la produzione di energia, l’intera struttura può essere sfruttata come sostegno per un sistema di irrigazione appena sotto i pannelli oppure per mitigare gli effetti nefasti della grandine (limitatamente alla ridotta superficie coperta dal pannello).

Il progetto pilota a Mantova

Si tratta della prima azienda “Agrovoltaica”, la Vostok, e si trova esattamente a Cappelletta, frazione del comune di Virgilio. Per l’impianto sono stati impiegati 750 inseguitori solari e 8 mila pannelli distribuiti su una superficie di 15 ettari. La potenza totale installata è di 2,15 MW.

in:

il:

tags:

,