Ridurre il fabbisogno energetico: vetro a controllo solare

Il vetro, in edilizia, ha un ruolo fondamentale per ottenere un buon isolamento termico e quindi ridurre la necessità di scaldare/raffrescare gli ambienti, soprattutto se parliamo di edifici (quasi sempre uffici) con grandi vetrate.

Se non sempre è possibile realizzare strutture architettoniche ombreggianti passive che mitighino il calore estivo del sole, è fondamentale scegliere vetrate in grado di mantenere un coefficiente di trasparenza elevato e allo stesso tempo in grado di isolare l’interno, dall’esterno.

triplo vetro Ridurre il fabbisogno energetico: vetro a controllo solare

Per venire incontro a questa necessità, è stato realizzato un vetro a controllo solare che consente il passaggio della luce solare attraverso la finestra dell’abitazione, ma allo stesso tempo riflette all’esterno gran parte del calore.

Il risultato è che il fattore solare (calore del sole) è inferiore al 50%, quando un vetro isolante tradizionale lascia passare il 76% del calore. Per raggiungere queste cifre, si è intervenuti alterando la struttura stessa del vetro, frapponendo vari strati di particolari materiali.

Questi depositi superficiali applicati su un lato del vetro ne mantengono invariata la trasparenza e lasciano passare la luce.

Un primo processo consiste nell’applicare un film sottile di sostanze chimiche composte da più strati di leghe metalliche, vaporizzate con alte temperature. Poi si procede ad applicare altre sostanze chimiche in ambiente sotto vuoto.

Il risultato è un vetro “intelligente”, che seppur ad un costo più elevato, lascia passare solo ciò che ci serve.

in:

il:

tags:

,